&nbsp
AIGA Lecce ti dà il benvenuto!
AIGA Lecce ti dà il benvenuto!
 

NEWS

Sezione dedicata alle news...
descrizione

RASSEGNA STAMPA

Sezione dedicata alla rassegna
stampa...descrizione

ORARIO UDIENZE

Link dedicato alle udienze
vari tribunali...

LINK UTILI

Link ai siti d'interesse...
descrizione

COMUNICATO STAMPA

Resoconto di una giornata-tipo presso l'Ufficio del Giudice di Pace di Nardó, da almeno un anno a questa parte.

Udienza civile tenuta in assenza di cancelliere e/o di assistente. L'unica unità presente, nelle due cancellerie, civile e penale, è impegnata in assistenza all'udienza penale, anch'essa in corso. Numerosi fascicoli civili già smarriti, quanto meno per l'udienza in corso, per la quale era prevista la loro chiamata. Depositi e consultazioni in cancelleria sospesi per assenza del personale. Tutto improntato alla estemporaneità e al pragmatismo "all'italiana" nel tentativo, da parte di giudici, avvocati e dell'unico dipendente di cancelleria presente in servizio, di chiudere falle ormai impossibili da chiudere. La nave affonda.

E con il naufragio, arrivano i rinvii d'ufficio ad libitum, nella speranza che cambi qualcosa.

È evidente, ormai, che si è arrivati al blocco. L'Ufficio è alla paralisi, pur continuando ad esistere (sicché, per competenza obbligata, continua ad incamerare contenzioso che non può essere dirottato altrove).

Ciò stante, AIGA LECCE stigmatizza duramente l'operato del consorzio di Comuni, con Nardó in testa, che ha deciso di mantenere aperto questo Ufficio, ignorando (o comunque non valutando adeguatamente) l'impegno finanziario, amministrativo e organizzativo che quella decisione comportava. Ne fanno oggi le spese i cittadini e i professionisti che, in quell'Ufficio, cercano di operare ogni giorno.

AIGA LECCE chiede, quindi, che il consorzio di Comuni da un lato, il Ministero della Giustizia dall'altro, per quanto di rispettiva competenza, si attivino IMMEDIATAMENTE affinché l'Ufficio possa riprendere a funzionare, invitandoli però ad evitare il solito, comico, rimpallo di responsabilità. In alternativa, prendano atto dell’emergenza e, altrettanto rapidamente, provvedano alla chiusura dell'Ufficio, con immediato trasferimento dei fascicolo presso il Giudice di Pace di Lecce, affinché l'attività giurisdizionale possa riprendere senza ulteriori ritardi.

AIGA – Sezione di Lecce

Il Consiglio Direttivo

 

comunicato x nardòavviso gdp nardò

 

Buongiorno a tutti. A nome della Sezione leccese di AIGA – Associazione Italiana Giovani
Avvocati, che mi onoro di presiedere, porgo il saluto a questa assise, al Presidente della Corte
d’Appello, ai rappresentanti del CSM e del Ministero, al Procuratore Generale, al Consiglio
dell’Ordine degli Avvocati ed a tutte le Autorità oggi intervenute.

logo aiga

All'esito della prima riunione di Giunta della Presidenza Vaira, AIGA Lecce ha completato le proprie nomine in ambito nazionale, che vedono investiti i seguenti associati:

COORDINAMENTO REGIONALE PUGLIA

E' convocato per sabato 16 gennaio 2016 ore 10,00, presso l'Aula Consiliare del Consiglio dell'Ordine egli Avvocati di Bari, il 1° Coordinamento Regionale Puglia di AIGA, per discutere del seguente O.D.G.:

1. Programmazione attività Coordinamento Regionale;

2. Regolamento sul funzionamento del Coordinamento Regionale;

3. Varie ed eventuali.

Si allega missiva di convocazione a firma del Coordinatore regionale Puglia Avv. Francesco P. Perchinunno.

missiva AIGA Puglia 2 page 001

AIGA IN PRIMA LINEA CONTRO LA PAVENTATA SOPPRESSIONE DELLA CORTE D'APPELLO DI LECCE

E' del 27 novembre 2015 la missiva sottoscritta da tutte le Sezioni pugliesi di AIGA per manifestare la preoccupazione e la assoluta contrarietà al progetto di riforma della geografia giudiziaria che - secondo le indiscrezioni trapelate attraverso la stampa locale e nazionale - andrebbe a ridurre ulteriormente i presidi di giustizia, interessando tutte le Corti d'Appello non situate nei capoluoghi di regione.

Questo, per la Puglia, significherebbe abolire la Corte d'Appello di Lecce e spostare l'intero suo carico di lavoro - che ricomprende anche le province di Brindisi e Taranto - dianzi alla Corte di Appello di Bari, con un risultato che significherebbe, nei fatti, la paralisi della giustizia.

A distanza di circa due settimane, il 12 dicembre 2015, le Sezioni pugliesi di AIGA emanano un comunicato stampa con il quale, alla luce del silenzio "assordante" tenuto dal Ministro sul problema, nonostante le numerose voci contrarie levatesi da più parti sulla stampa, convocano un tavolo di discussione permanente tra Avvocatura, Magistratura, Politiva e Società Civile.

 

Per migliorare la tua navigazione su questo sito, utilizziamo cookies ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti. Utilizzando questo sito, acconsenti agli utilizzi di cookies e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookies Policy. Leggi Policy